Messaggio più recente

La mia vicina di casa

Ho passato il pomeriggio a cucire alberelli di Natale, cantando nella mia mente jingle natalizi e poi è arrivata lei. No, non mi ha bussato alla porta ( menomale ) sta la, nella stanza che confina con la mia e comincia a parlare. Parla parla parla, parla un sacco al telefono. Roba da matti. Benedette case dove se starnutisci qualcuno ti risponde ” Salute “. E così io ascolto non volendo, ma a volte anche si 🙂 è divertente. Mi sembra di essere una spia che carpisce segreti a persone ignare. In realtà non capisco molto del senso di quello che dice anche perchè, parlando al telefono, percepisco solo metà del discorso. Trovo tutto questo però molto buffo, l’ ho già detto? Si si, l’ ho detto ma ve la farei sentire e vi mettereste a ridere pure voi. Mi vien voglia di chiederle di parlare di qualcosa di più interessante, non so… un film che ha visto, un disco che ha ascoltato. No parla solo di malanni, scuola ( forse è un’insegnante ) e poi ride, “ma di cosa ridi” ????? Beh tutto questo era solo per dirvi che sto cucendo dei bellissi alberelli di Natale che regalerò a…….. chi capita 🙂

Un grazie ad Alessandro Pedrazzoli

Volevo scrivere di lui perchè è grazie a lui che oggi sono qui a scrivere 🙂

E’ gia da qualche anno che ho avviato la mia pagina facebook https://www.facebook.com
e, senza dovermi sforzare troppo sono arrivata a 597 like. Sono pochi, penserete, per me no perchè, apparte i 20 amici che mi hanno sostenuto all’inizio, non ho mai pagato nulla per sponzorizzarla e nonostante questo il tam tam di fb ha funzionato da solo,  grazie anche alle mie creazioni che piacciono :). Aprire un blog o sito col nome della mia pagina era da un pò che ci pensavo. Ho abbozzato qualcosa in passato con un’altra piattaforma ma non mi piaceva e pochi giorni fa mi sono imbattuta in lui che, come lui stesso dice, è la prima voce che google ti da come risposta alla domanda ” come si fa ad aprire un blog”. http://alessandropedrazzoli.com/come-creare-un-blog-e-diventare-blogger/

Perchè ho scelto di leggere il suo blog? semplice era scritto per le persone che come me non masticano i linguaggi dell’informatica e il suo accompagnarti passo passo mi ha fatto schiacciare quel tasto con su scritto INSTALLA ed ora sono qui. Quindi trovo doveroso ringraziarlo proprio qui, sul mio blog, anche se ancora non è di successo 🙂

GRAZIE

 

8 Dicembre

Oggi l’anno scorso ero a un mercatino di Natale, il mio primo mercatino. E’ stato bellissimo, l’ambiente, l’atmosfera. vedere tutte le mie creazioni esposte sul banchetto è stata una grande soddisfazione ma ancora più grande è stato sentire gli apprezzamenti della gente. Non ho venduto molto e a livello economico c’ho rimesso, considerando che ho dovuto soggiornare due notti fuori e pagarmi un B&B. Mi è andato bene lo stesso. Lo scopo di questa mia passione è appunto coltivarla anche perchè io fortunatamente ho un lavoro stabile. E’ un ricordo e un’esperienza che rimane dentro di me arricchendomi. Non volevo fermarmi a quel mercatino, tante idee e progetti, non realizzati. Pazienza, non mi scoraggio e continuo a progettare e ideare, sono sicura che presto realizzerò il mio grande sogno, qual’è? non voglio dirlo perchè devo prima trovare il coraggio e la volontà di buttarmi in questo sogno pieno di stoffe e colori da cui posso finalmente tirare fuori tutta la mia creatività

benvenuto mondo

Voglio creare qualcosa partendo da ciò che gli altri considerano finito. Perciò ho chiesto ad amici, parenti, ” avete vestiti vecchi da buttare? li prendo io “. E’ stata un’ idea bella a metà 🙂 mi sono ritrovata sommersa di vestiti, magliette, pantaloni, di ogni genere. La mia casa sembrava essere  uno di quei negozi che vendono roba vecchia ma ha funzionato. Ho avuto a disposizione ogni genere di stoffa che a suo modo mi parlava. Cosa farci? I jeans vecchi sono i più classici da utilizzare e internet ti fornisce idee a profusione. Così ho incominciato a realizzare borse ma non solo, anche vestiti per le bambole e alberi di Natale. è così che la stoffa prende vita. Io considero questa la vera vita della stoffa perché attraverso le mie mani quei vecchi vestiti trovano la loro anima in qualcosa di unico che diventa speciale per la persona che poi lo acquista.

Please follow & like us :)
Facebook20
Facebook
TWITTER