Uncategorized

8 Dicembre

Oggi l’anno scorso ero a un mercatino di Natale, il mio primo mercatino. E’ stato bellissimo, l’ambiente, l’atmosfera. vedere tutte le mie creazioni esposte sul banchetto è stata una grande soddisfazione ma ancora più grande è stato sentire gli apprezzamenti della gente. Non ho venduto molto e a livello economico c’ho rimesso, considerando che ho dovuto soggiornare due notti fuori e pagarmi un B&B. Mi è andato bene lo stesso. Lo scopo di questa mia passione è appunto coltivarla anche perchè io fortunatamente ho un lavoro stabile. E’ un ricordo e un’esperienza che rimane dentro di me arricchendomi. Non volevo fermarmi a quel mercatino, tante idee e progetti, non realizzati. Pazienza, non mi scoraggio e continuo a progettare e ideare, sono sicura che presto realizzerò il mio grande sogno, qual’è? non voglio dirlo perchè devo prima trovare il coraggio e la volontà di buttarmi in questo sogno pieno di stoffe e colori da cui posso finalmente tirare fuori tutta la mia creatività

Please follow and like us:

benvenuto mondo

Voglio creare qualcosa partendo da ciò che gli altri considerano finito. Perciò ho chiesto ad amici, parenti, ” avete vestiti vecchi da buttare? li prendo io “. E’ stata un’ idea bella a metà 🙂 mi sono ritrovata sommersa di vestiti, magliette, pantaloni, di ogni genere. La mia casa sembrava essere  uno di quei negozi che vendono roba vecchia ma ha funzionato. Ho avuto a disposizione ogni genere di stoffa che a suo modo mi parlava. Cosa farci? I jeans vecchi sono i più classici da utilizzare e internet ti fornisce idee a profusione. Così ho incominciato a realizzare borse ma non solo, anche vestiti per le bambole e alberi di Natale. è così che la stoffa prende vita. Io considero questa la vera vita della stoffa perché attraverso le mie mani quei vecchi vestiti trovano la loro anima in qualcosa di unico che diventa speciale per la persona che poi lo acquista.

Please follow and like us: