Archivio mensile: dicembre 2017

Un albero di Natale a lavoro

Restiamo nel tema dello spirito natalizio. Oggi ho portato e decorato un albero di Natale a lavoro. E che c’è di strano? Beh la stranezza sarà molto difficile da capire ma cercherò di spiegarla. I miei colleghi mi hanno dato un soprannome Pina Wallace. Sono una rompicoglioni? si un po’ 🙂 ma “non sono cattiva, mi hanno disegnata così” per citare la famosa Jessica Rabbit.  Insomma, nonostante replico spesso alle cose che mi sembrano sbagliate del mio ufficio, penso anche che è il posto, dopo casa mia, dove passo più tempo. E’ per questo motivo che ritengo importante l’ambiente ed è per questo che ho portato il mio spirito natalizio in ufficio 🙂 .

Certo non lavoro a Google. Niente pareti colorate, niente ambienti ricreativi, niente pc che funzionano AHAHAHAH ( non sto scherzando ).

Però nel mio ufficio c’è una pianta, salvata dalla morte certa, ed ora anche un albero di Natale. Ho invitato i colleghi a portare un addobbo per l’albero, per coinvolgerli ma…..MAH!

Che mi importa. Essere Wallace è difficile e le battaglie iniziano anche dagli alberi di Natale e dalle palline colorate. Chissà magari domani qualcuno avrà portato un decoro. Vi terrò aggiornati. La mia missione ora è tenere alto lo spirito del Natale quindi se camminando in strada vedrete una donna che sorride senza motivo…….sono io. 🙂

Please follow and like us:

Lo spirito del Natale

E’ stato faticoso, preparare più cose possibili, scegliere cosa cucire, cercare cosa potesse piacere di più e alla fine ci sono riuscita. Ricominciamo. E’ stato faticoso ma il desiderio di partecipare ad un mercatino mi ha spinto a superare le difficoltà perché lo spirito natalizio è uno stimolo forte e trainante. No, non va ancora. Quest’anno volevo assolutamente prendere parte ad un mercatino di Natale perché il ricordo che quello vissuto mi aveva lasciato una sensazione appagante di soddisfazione e piacere….. no.

La faccio breve. Il mercatino di Natale di quest’anno è stato un fallimento. Bella location ma niente gente e ancor peggio, gente antipatica e scostante. Ragazzi ma lo spirito del Natale che fine ha fatto? In realtà non so chi crede ancora in queste cose. Non si tratta di essere più buoni anche se non farebbe male a nessuno, si tratta di vedere tutto con gli occhi dei bambini, quindi leggerezza, allegria e gioia. Sarebbe però sbagliato dare la motivazione del fallimento solo alla gente. Le feste vanno comunque organizzate. Se prendi una sala la riempi di tavoli addobbati e poi non la illumini in maniera adeguata, non metti la musica e soprattutto non lo dici a nessuno chi vuoi che venga? La vicina di casa che ti ha visto preparare i tavoli 🙂 . Beh questo è quello che è successo e per non farci mancare niente questi ultimi tre giorni sono stati i più freddi in assoluto, il che non aiuta.

Però non voglio perdere il mio spirito natalizio e vedere il lato positivo, una bimba ha costretto la mamma a fermarsi perché voleva il bassotto esposto sul mio banchetto,  la mamma lo ha comprato e lei se ne è andata abbracciandolo tutta soddisfatta, lo ero anch’io.

Bisogna guardare tutto con gli occhi dei bambini, perché riescono a vedere l’essenza delle cose, un bassotto di pezza non è un pupazzo ma un amico da abbracciare e le farfalle di stoffa sono pensieri positivi che si poggiano con leggerezza sui rami degli alberi di Natale.

Buon Natale a tutti Voi 🙂

Please follow and like us: